ARTROSI: Come curarsi con lo sport






L’Artrosi è una patologia che consiste nella progressiva degenerazione del tessuto cartilagineo che avvolge le articolazioni. La prevalenza dell'artrosi è direttamente correlata all'età: dal quarantesimo anno di età e nella quasi totalità dei settantenni, con un picco di massima incidenza fra i 75 ed i 79 anni. L’artrosi è difficilmente prevenibile, ma si può controllare tramite un’azione combinata di più fattori. Oltre all’uso di medicinali, i cosiddetti FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Stereoidei) è consigliato fare attività fisica e nel caso in cui il dolore sia acuto non smettere ma limitarla momentaneamente. Infatti molti pensano che la cosa migliore se si avverte molto dolore è di eliminare l’attività fisica, non sapendo che in realtà si ottiene una velocizzazione degenerativa della cartilagine provocano ulteriori danno. Per chi è affetto da artrosi le discipline che vengono proposte sono attività aerobiche basso impatto come nuoto dove il peso del corpo non grava sulla cartilagine, oppure si consigliano attività come cyclette, ballo. Sono sconsigliati sport come calcio, ciclismo, scherma ed equitazione in quanto le articolazionivengono maggiormente sollecitate. Inoltre è consigliato fare molta mobilità articolare in quanto mantiene “attiva” la cartilagine e si rischia un minor indebolimento della stessa. Di seguito riportiamo alcuni esercizi di mobilità: 




Flessione arto inferiore – gastrocnemio: Mantenendo la gamba estesa, afferra con le mani punte e metatarsi del piede ed esercita una trazione cercando di flettere il piede. I muscoli maggiormente interessati sono i flessori plantari (estensori) del piede sulla gamba.








Flessione del busto sugli arti inferiori - ischio-crubrali: Mantenendo i piedi uniti, fletti il busto piegando leggermente le ginocchia e ponendo le mani dietro le caviglie. Quindi estendi le ginocchia cercando di mantenere il busto più flesso possibile, aiutandoti con la pressione delle mani sulle caviglie. I muscoli maggiormente interessati sono gli estensori delle cosce sul bacino. Sono coinvolti anche gli estensori del tronco.



Flessione del busto – zona dorsale: Fletti il busto in avanti cercando di toccare terra con le mani. I muscoli maggiormente interessati sono gli estensori del tronco, con particolare riferimento alla regione lombare. Vengono interessati anche i muscoli estensori delle cosce, ad eccezione di quelli biarticolari che trovano inserzione oltre il ginocchio. Questo esercizio è anche utile per la decompressione discale.




Sono stati riportati tre esercizi semplici per mobilizzare le zone più estese del nostro corpo,
esistono molti esercizi che puoi richiedere inviando un messaggio.
Cosa aspettate? Non restate fermi iniziate da ora a fare esercizio fisico!!




Commenti

Post popolari in questo blog

MAL DI SCHIENA: come alleviare il dolore

DIMAGRIMENTO: non solo con l'attività aerobica

OSTEOPOROSI: prevenire facendo sport

Quanto è importante lo sport?